28 giugno 2018

ALLARME CALDO: AUMENTANO I RISCHI DI INTOSSICAZIONI ALIMENTARI. CONSIGLI PER LA PREVENZIONE

Come ogni anno, con il caldo  estivo aumentano i rischi di incorrere in disturbi gastrointestinali causati da alimenti contaminati da microrganismi o dalle tossine da essi prodotte quando vengono trascurate le buone pratiche igieniche nel corso della preparazione e conservazione dei cibi. Molto spesso le misure messe in atto lungo la filiera produttiva (produzione, trasformazione, commercializzazione) sono vanificate dal comportamento dei consumatori nelle fasi di acquisto e preparazione presso il proprio domicilio.

E' importante tenere sempre presente che l'alimento confezionato mantiene le proprie caratteristiche di sicurezza e di qualità sino a che la confezione è integra e le modalità di conservazione sono quelle indicate dal produttore. Anche le conserve sterilizzate nel processo di produzione, come i prodotti ittici sott'olio (tonno, sardine, sgombri, ecc.), dopo l'apertura della confezione vengono contaminate dagli utensili e dall'ambiente e l'alimento può andare incontro ad un rapido deterioramento per la crescita di microrganismi e la produzione di sostanze tossiche come l'istamina.

Occorre quindi, per proteggere la propria salute, rispettare delle buone pratiche di acquisto, conservazione e preparazione dei cibi tenendo presente che anche le scatolette o altri tipi di conserve a base di latte, pesce o carne, una volta aperte, devono essere tenute in frigorifero e consumate entro 3 giorni dal primo consumo.   
 

Ecco alcuni consigli per tutelarsi dai rischi alimentari che possono verificarsi maggiormente nel periodo estivo

UK Replica Watches
UK Louis Vuitton Replica Handbags
Swiss Rolex Replica Watches For US Sale, Fake Rolex Watches!

Leggi anche La conservazione degli alimenti: l’uso corretto del frigorifero

Leggi anche Campagna di sensibilizzazione sulla corretta gestione degli alimenti in ambito domestico - Regione Piemonte

 

sicurezza alimentare in estate

sicurezza alimentare spesa

sicurezza alimentare spesa

sicurezza alimentare spesa

sicurezza alimentare spesa

sicurezza alimentare trasporto

 sicurezza alimentare a casa